Presentato il primo Report Nazionale delle 44.000 organizzazioni di volontariato censite dal sistema dei Centri di Servizio per il Volontariato (CSV). 

 

E’ stato presentato a Milano lo scorso mese di Ottobre alla Cascina Triulza di Expo Milano 2015 il primo report nazionale delle 44.000 organizzazioni di volontariato , l’indagine è il risultato della collaborazione  fra il CSVnet – Coordinamento Nazionale dei CSV e la Fondazione IBM Italia nell’ambito del programma IBM Impact Grants.

Il rapporto si basa sui dati forniti dai CSV soci di CSVnet  e rappresenta il risultato di un processo avviato da un anno con l’obiettivo di armonizzare le diverse banche dati dei CSV ed ottenere un quadro di portata nazionale di come operano le Organizzazioni di volontariato.

Il rapporto è in linea con i dati e le tendenze rilevate dal Censimento Istat sulle istituzioni non profit dell’anno 2001  e conferma che sono 6 le regioni dove si concentrano le organizzazioni di volontariato (Lombardia, Toscana, Lazio, Piemonte, Emilia Romagna e Veneto).

Il raggio d’azione delle organizzazioni è locale infatti il 50% ha come ambito territoriale il comune, solo 5 organizzazioni su 100 hanno un riferimento nazionale o internazionale.

Il 55% delle organizzazioni si occupa di assistenza sociale e di sanità, altri enti sono impegnati nella cultura, sport e ricreazione.

La metà delle organizzazioni conta su meno di 16 volontari , solo il 15% ha un numero superiore a 50, il 50% ha meno di 60 soci, il 10% circa ha una base associativa estesa (oltre 500 soci)

I dati del Report rivelano una crescita costante delle organizzazioni dal 1980 al 2007, negli ultimi 7 anni si nota una diminuzione  dell’incremento annuale delle organizzazioni costituite.

La rappresentanza legale delle organizzazioni è composta per i 2/3 da uomini, le donne sono il 33% del totale, la componente femminile è presente soprattutto nei settori dell’educazione, istruzione ,tutela dei diritti ed assistenza sociale

Il presidente del CSVnet Stafano Tabò ha dichiarato che: “Acquisire informazioni, cogliere tendenze, osservare cambiamenti, misurare la realtà del volontariato per comprenderla nell’insieme e nelle sue parti, risulta immediato per il sistema dei CSV che ha il compito di promuoverne i valori e le espressioni operative”

Angelo Failla, Direttore della Fondazione IBM Italia  ha dichiarato . “Questo report è frutto di un percorso collaborativi che favorirà in misura crescente  la comprensione di un fenomeno vitale per il Paese . valorizzando la grande mole di dati eterogenei a disposizione del sistema dei CSV e testimonia la volontà della nostra Fondazione di creare un impatto reale nelle comunità in cui opera grazie alle competenze che può mettere in campo

L’On Luigi Bobba, Sottosegretario al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, intervenuto all’evento i presentazione del Report, ha rilevato che tale reprt è un ottimo esempio di ibridazione fra impresa e il mondo del non profit che insieme stanno contribuendo all’acquisizione di uno strumento utile alla conoscenza del volontariato italiano.
 

Giuseppe Bardone

Filosofo del Diritto 

     

 

Segnala questa pagina ad un amico




 

 

 

 

 

 

Piazza Scala - novembre 2015