Riportiamo di seguito un comunicato dell'Ass. AMICI COMIT - PIAZZA SCALA relativo all'eccedenza di tassazione applicata da FAPA e PREVIDSYSTEM.
In passato il nostro sito si è già occupato della problematica, indirizzando molti dei nostri lettori che stavano per richiedere il pensionamento alla consulenza di Gioacchino Costantino e Gianfranco Minotti.
Segnaliamo inoltre che:

- destinatari della nota sono i soci
- l'esito della vertenza non è più così scontato come in passato, data la resistenza di molte sedi dell'Agenzia delle Entrate e i rigetti delle
  Commissioni Tributarie..
Piazza Scala

 

Cari Soci e care Socie,                                                                    Milano, 29 novembre 2015

portiamo a conoscenza di tutti quegli ex colleghi Comit, che hanno riscattato lo "zainetto" dal FAPA, di una nota del Socio Gianfranco Minotti, nonché consulente della nostra Associazione, sulle modalità per richiedere all'Agenzia delle Entrate la restituzione delle imposte versate in più nel periodo di permanenza nel Fondo Pensioni Comit.

In calce alla nota sono riportati, anche, i facsimili delle lettere al FAPA ed al Fondo Comit e dell'istanza da presentare all'Agenzia delle Entrate, competente territorialmente.

Un caro saluto

Sergio Marini

Presidente del Consiglio Direttivo

Associazione "Amici Comit - Piazza Scala"  
 

*****

Eccedenza di tassazione applicata da "FAPA" in sede di liquidazione dei riscatti delle posizioni di previdenza complementare (correntemente "zainetti") dei dipendenti   ex Comit: c.d. recupero del 4%

In relazione alle liquidazioni dei c.d. "zainetti", effettuate dal FAPA (Fondo Pensione per Il Personale non Dirigente del Gruppo Intesa Sanpaolo) a beneficio degli iscritti, già partecipanti al Fondo Pensioni per Il Personale della Banca Commerciale Italiana [di seguito: Fondo] si è, da tempo, rilevato che le stesse vengono tassate senza portare in deduzione (sull’imponibile afferente al periodo fiscale sino al 31.12.2000) i contributi versati al Fondo, fino al 31.12.1994 dai dipendenti ex Comit, nel limite del 4% della retribuzione annua.
Da tale mancanza, originata da un criterio adottato dal Fondo e che, pur essendo stato contestato con confortanti successi anche in sede di contenzioso tributario, continua ad essere applicato, deriva una cospicua eccedenza di fiscalità da fare oggetto di apposita istanza di rimborso.
A questo riguardo per agevolare i soci interessati alla tematica abbiamo elaborato la seguente nota portante, tra altro, la puntualizzazione delle attività da porre in essere per ottenere la restituzione dell’indebito fiscale.
N.B.
Si evidenzia che, per i Dirigenti, il fondo erogatore degli zainetti è "Previdsystem" cosicché nella nota e nei relativi allegati dovrà intendersi citato tale ente in luogo del FAPA.

*****

NOTA

Iter  per l’avvio dell’iniziativa di recupero:

1. invio al "FAPA" di lettera raccomandata A.R. per contestazione dei prospetti ricevuti [cfr. all. 1]

2. successivo invio al "Fondo Pensioni per il Personale della Banca Commerciale Italiana" [Fondo] di lettera raccomandata A.R. (ovvero con consegna a mani e ritiro di copia sottoscritta per ricevuta) contenente la richiesta di attestazione dei contributi versati sino al 31.12.1994 e del regolamento dei contributi stessi secondo le norme statutarie [cfr. all. 2]

3. predisposizione di istanza di rimborso [cfr. all.3]-da depositare presso la competente Agenzia delle Entrate, tassativamente entro il termine di decadenza di 48 mesi, decorrenti dalla data di accreditamento dello "zainetto" - alla quale verrà allegata, tra l'altra documentazione (di cui all'elenco in calce), anche la lettera di riscontro che sarà stata ottenuta dal "Fondo" in termini coerenti e conformi alle richieste di cui alla lettera sub 2. [cfr. facsimile di riscontro - all.4].
 

*****

In ordine alla sorte delle istanze, nonostante gli innumerevoli successi ottenuti, non si può purtroppo escludere il verificarsi di casi di rigetto da parte dell'Agenzia delle Entrate sia mediante formale notifica di provvedimento di rigetto, ovvero mediante "tacito rifiuto" che si concretizza con la decorrenza di novanta giorni dal deposito della relativa richiesta, senza che l’ufficio amministrativo abbia dato alcuna evasione.

Nel primo caso, per proseguire nelle attività a tutela del proprio diritto, si dovrà, tassativamente entro 60 giorni dalla notifica (termine di decadenza), presentare alla competente Agenzia delle Entrate istanza di mediazione (in carta libera) ad effetto sostanzialmente anticipatorio di quello del successivo (eventuale) ricorso avanti la Commissione Tributaria Provinciale. A proposito, l’istante dovrà avvalersi di professionista abilitato, con conferimento di procura riguardante anche la difesa nel contenzioso tributario, salva la possibilità, qualora il valore della vertenza non sia superiore a € 3000,00 (ex euro 2582,28) di procedere direttamente (stante la peculiarità della materia si consiglia comunque il ricorso ad una assistenza tecnica).

Nel secondo caso, una volta maturati i 90 giorni per la formazione del "tacito rifiuto", si potrà presentare la suddetta istanza entro il termine di prescrizione decennale del diritto alla restituzione dell’indebito.

*****

Per quanto riguarda l’assistenza professionale si evidenzia che l’ Associazione "Amici Comit - Piazza Scala", a beneficio dei soci, ha stipulato un'apposita convenzione con l’ Avvocato Antonino Palmeri di Milano, contemplante il patrocinio sia nella fase della mediazione, sia in quelle di contenzioso in primo e secondo grado (Commissione Provinciale Tributaria e Commissione Tributaria Regionale). Per i relativi dettagli si consulti la sezione "Convenzioni con Studi Legali" di cui all’area riservata del sito dell’Associazione (www.amicicomit.it).

*****

Elenco dei documenti da unire all’istanza di rimborso

I - stralcio dello Statuto del "Fondo" ed. 1971 / ed. 1993

II - prospetto di liquidazione del "FAPA"

III - mod. CUD

IV - lettera di contestazione a "FAPA"

V - attestazione del "Fondo"

VI - prospetto contributi [da elaborare con implementazione di un apposito programma ‘Excel’]

VII - estratto conto previdenziale "INPS"

VIII - sentenze di Commissioni Tributarie

IX - sentenza Corte di Cassazione

X - decisioni Agenzie delle Entrate

XI - statini stipendio

N.B.: Il programma "Excel" (sub VI), nonché i documenti sub I, VIII, IX, e X verranno forniti direttamente al socio interessato, dietro sua richiesta da inviare per posta elettronica all’indirizzo e-mail dell’Associazione "Amici Comit - Piazza Scala" (amicicomit@gmail.com)
 

Gianfranco Minotti

Milano, 27 novembre 2015
 

Allegati (clicca sulle icone sottostanti per scaricarli):

  bozza lettera al FAPA
  bozza lettera al Fondo Comit
  bozza istanza all'Agenzia delle Entrate
  facsimile di lettera di riscontro del Fondo Comit


N.B.: per eventuali chiarimenti contattare l'associazione all'indirizzo mail amicicomit@gmail.com

 

 

 

 

 

Segnala questa pagina ad un amico




 

 

 

 

 

 

Piazza Scala - dicembre 2015