AH, AH,AH

 

Per la rubrica "Ridiamoci sopra!" presentiamo un'esilarante barzellettina inviata da Sergio Marini, ex Comit non nuovo nel nostro database.

Ottobre 2009
 

 

 

 

Due amiche, dopo aver convinto i mariti, riescono ad uscire a cena da sole per svagarsi un po'. Fra una chiacchiera e l'altra e dopo due bottiglie di buon vino, lo champagne, i limoncelli e qualche amaro, si fa tardi e decidono di tornare a casa.
Completamente ubriache escono dal ristorante e mentre camminano nella notte sentono l'impellente bisogno di fare pipì. Una dice: “entriamo in quel cimitero, lì non ci vedrà nessuno.” Così la prima si sfila le mutandine, fa una pipi epocale e usa gli slip per asciugarsi, poi li butta. L'altra, che porta biancheria intima firmata alla quale tiene molto, si sfila le mutandine le mette in tasca e stacca un nastro da una corona di fiori per asciugarsi.
La mattina dopo il marito della prima telefona all'altro dicendo: “Sono un uomo distrutto, mia moglie e' tornata alle 5 di mattina, ubriaca fradicia e senza mutande, l'ho cacciata di casa”.
L'altro risponde: “Non dirlo a me. La mia e' tornata ubriaca, senza mutande e con una coccarda rossa infilata nel culo  con su scritto: Non ti Dimenticheremo mai! Pino, Lucio, Antonio, Gino e tutti gli amici della palestra.”